L'INTERVISTA - Giovanna Amoroso

 

 

 

Parigi, 3 marzo 1934

 

E' notte fonda.

 

L’atmosfera ricorda l'angosciante clima de “Il grido”, famoso quadro di Edvard Munch. L'aria è nebulosa ed inquietante.

 

Entro in un bar lungo la Senna. Un miraggio in questo “boulevard” deserto. Finalmente un po’ di calore…

 

Mi siedo ed osservo l'ambiente circostante.

 

Seduto al tavolo c’è un uomo annoiato che sorseggia un drink. Poco dopo entra nel bar una donna bella e di gran classe, che si siede accanto a lui.

 

Con l’aria indifferente e perso nei miei pensieri, ascolto il loro dialogo...

 

 

 

 

L’UOMO: Buonasera Madame Baum. Finalmente ha accettato il mio invito… erano mesi che l’aspettavo.

 

 

MADAME BAUM: Si ritenga un uomo fortunato. E' un privilegio che concedo solo a pochi eletti.

 

 

L’UOMO: Lo so… praticamente è impossibile riuscire a strapparle un’intervista! Il Direttore del mio giornale mi ricoprirà d’oro, quando gli consegnerò il pezzo.

 

 

MADAME BAUM: Allora ho diritto ad una percentuale sui suoi compensi. Che ne dice…

 

 

L’UOMO: E' sempre così ironica, Madame?

 

 

MADAME BAUM: Solo con i “maschi” brillanti come lei…

 

 

L’UOMO: Madame Baum, lei mi lusinga!

 

 

MADAME BAUM: Per carità… le lusinghe le lascio ai comuni mortali. Noi creature superiori esprimiamo solo la verità.

 

 

L’UOMO: Creature superiori? Alla faccia della modestia!

 

 

MADAME BAUM: Ripeto Monsieur, creature superiori…

 

 

L’UOMO: Ma, vogliamo parlare del suo ultimo libro? Ha ricevuto numerose lodi da affermati critici.

 

 

MADAME BAUM: I critici vanno dove tira il vento… che sia scirocco o tramontana a loro non importa…

 

 

L’UOMO: Polemica come sempre. Non vuole proprio svelare la sua vera anima, Madame.

 

 

MADAME BAUM: Ogni cosa a suo tempo… l'importante è fare un passo alla volta, giusto?

 

 

L’UOMO: La prego, mi parli del suo ultimo libro, “PROFUMO DI TENEBRA”.

 

 

MADAME BAUM: E' il testo che più rispecchia la mia personalità. Il mio figlio prediletto.

 

 

L’UOMO: Vampiri, creature immortali… lei è senz'altro la massima autorità sull’argomento. A cosa si deve questo suo profondo interesse per la materia?

 

 

MADAME BAUM: Conoscere le tenebre, per comprendere noi stessi. Nulla accade per caso. Neanche questo nostro incontro… lo sa, vero?

 

 

L’UOMO: Sapere cosa?

 

 

MADAME BAUM: Ripeto, ogni cosa a suo tempo.

 

 

L’UOMO: Lei è una donna bella, colta e molto corteggiata. Nonostante ciò, si dichiara single. Come lo spiega?

 

 

MADAME BAUM: E' un’ardua impresa trovare un’anima simile alla mia. Un uomo disposto a condividere con me l’eternità…

 

Sono secoli che cerco un degno compagno. Secoli di squallide prede, uomini senza alcuna qualità…

 

 

L’UOMO: Madame, lei mi spaventa…

 

 

MADAME BAUM: Oh, non ha nulla da temere. Non torcerei neanche un capello a un mio “simile”!

 

 

L’UOMO: Simile?

 

 

MADAME BAUM: Non l’ha ancora capito? Ho accettato il suo invito, solo perché percepisco in lei delle affinità elettive…

 

 

L’UOMO: Continuo a non capire… affinità elettive?

 

 

MADAME BAUM: Si fidi di me… (sussurrato con dolcezza).

 

 

L’UOMO: Madame, mi perdoni se l’interrompo. La prego di osservare l'immagine riflessa nello specchio in fondo alla sala. Che strano scherzo della prospettiva! Appare solo la mia sagoma, sembra che io stia parlando da solo…

 

 

MADAME BAUM: Arrivederci, Monsieur!

 

 

A questo punto, Madame Baum si alza in piedi.

 

 

L’UOMO: Ma dove va, Madame? L'intervista non è ancora terminata!

 

 

MADAME BAUM: Non si preoccupi, una di queste sere verrò a farle visita. Ma, non si disturbi, al “bere” ci penso io... gradisce l’RH positivo? (sussurrato con estrema ironia).

 

 

 

Madame Baum si congeda dal giornalista sfiorandogli il collo con le labbra. Un gesto sensuale e materno allo stesso tempo.

 

Mentre io mi congedo dal mondo, tornando nel mio lugubre nascondiglio. Attendendo con ansia la calda e rassicurante luce del sole.

 

 

Giovanna Amoroso

 

 

Giovanna Amoroso nata nel 1975.

 

Laureata alla Facoltà di Lettere e Filosofia DAMS dell’Università di Genova (discussione tesi “Teatro Salvini – Il risveglio dell’antico palcoscenico”) con 108/110.

 

Collaboratrice del quotidiano IL ROMA e del mensile culturale L’ESPRESSO NAPOLETANO.

 

Fondatrice del magazine on-line: www.passioneteatro.com

 

Da dicembre 2010: ideatrice, organizzatrice e direttore artistico del Premio Letterario “Passione Drammaturgia” patrocinato dal Comune di Pieve di Teco (IM).

 

Da gennaio a dicembre 2008: redattrice del quotidiano on-line savonese “ponentenotizie.it”, con a mia firma circa ottanta articoli tra recensioni spettacoli, recensioni libri, anteprime teatrali, musica, mostre d’arte, cultura in genere.

 

I miei libri pubblicati:

 

UNIVERSI GRAVIDI (Cicorivolta 2013), ROSE ROSSO SANGUE (Epubblica 2012), TENEBRE AL FEMMINILE (Edigiò 2010), VOGLIA DI MATERNITA’(Edigiò 2008), ANIMA DONNA (Edigiò 2007).

 

I premi letterari mi hanno sempre regalato molte soddisfazioni; numerosi i concorsi vinti, sia per opere edite che inedite.